ladante ladante ladante
ladante

Da FORMICHE n. 28 del luglio 2008
INCHIOSTRI Leggere è un po' viaggiare
a cura di Daniele Ciccaglioni

Vittorio Pezzuto, Applausi e sputi. Le due vite di Enzo Tortora, Sperling & Kufner, 2008, pp. 520, euro 15
Enzo Tortora. Oramai ricordato dalla memoria collettiva del nostro Paese solamente per la trasmissione Portobello e per la sua assurda vicenda giudiziaria. In realtà, la figura di Enzo Tortora ha attraversato trent'anni della storia della radio e della televisione: giornalista a 360 gradi, autore di numerosi reportage, piaceva per la sua galanteria e per il suo parlare forbito. Vittorio Pezzuto, a vent'anni esatti dalla sua morte, ci regala finalmente la prima biografia di questo grande protagonista. Nelle 520 pagine del suo libro, delle quali 80 dedicate alle note, Pezzuto ne ricostruisce la doppia vita: dalla ascesa e consacrazione in Rai alla successiva cacciata, dal ritorno con il successo di Portobello all'incredibile vicenda giudiziaria, che travolse la vita di Tortora cancellando in un colpo una carriera folgorante che era riuscito a preservare nonostante non si fosse mai risparmiato di esprimersi liberamente. Il suo caso è diventato l'esempio della “giustizia ingiusta” italiana: arrestato e assolto definitivamente quattro anni dopo “per non aver commesso il fatto”. Ma non avrà molto tempo per rallegrarsene. Tornato a condurre una nuova edizione della sua Portobello, lo spettacolo finisce presto: dopo la vicenda, infatti, si ammala e muore dopo poco più di un anno. Non si potrà replicare.

ladante
ladante ladante ladante