ladante ladante ladante
ladante

Da IL SECOLO XIX del 5 dicembre 2008 (Edizione di La Spezia)
Al Sant'Andrea
APPLAUSI E SPUTI, IN UN LIBRO LA "DOPPIA VITA" DI ENZO TORTORA


Molti, soprattutto anziani, ricordano ancora i bagni di folla che accolsero a Sarzana Enzo Tortora, all'epoca presentatore della trasmissione “Campanile Sera”. Era il maggio 1960, quando Tortora accompagnò i sarzanesi nella vittoria contro la città di Bondone prima e alla successiva sconfitta contro Novi Ligure nella seconda serata. Domani la città ricorderà il giornalista-presentatore genovese scomparso nel 1988 a 60 anni, in tutt'altro contesto. Il neonato circolo socialista “Alfredo Poggi” e l'associazione degli Amici della Fondazione Craxi presentano all'hotel “Al Sant'Andrea” alle 15.30 il volume di Vittorio Pezzuto “Applausi e sputi. Le due vite di Enzo Tortora”. Accanto all'autore sarà presente anche Francesca Scopelliti, compagna dello scomparso nella vita e nell'agone politico. Sarà un'occasione per ripercorrere la vita e la carriera dell'inventore di Portobello, dalle prime uscite nella radio negli anni '50, alle apparizioni televisive fino a quando divenne uno dei personaggi di maggior successo nello star system. Poi l'ostracismo della Rai e infine quell'incredibile giugno 1983 quando, arrestato in un albergo romano, fu abbandonato a una vergognosa gogna mediatica con le manette ai polsi fra due carabinieri. Condannato a 10 anni di carcere dal tribunale di Napoli sulla base di false accuse, assolto poi con formula piena in appello, fu definitivamente prosciolto dalla Cassazione. Meno di un anno dopo, provato da tutte quelle vicissitudini, moriva nella sua casa milanese, assistito da Francesca e da sua figlia Silvia.

ladante
ladante ladante ladante