ladante ladante ladante
ladante

Da SEVEN PRESS del 29 novembre 2008
GENOA CLUB ENZO TORTORA
Enzo Tortora nacque a Genova il 30 Novembre 1928, per cui domenica prossima ricorrerą l'80mo anniversario della nascita


Quale data migliore per far esordire allo Stadio di Marassi, lo striscione del Genoa Club Enzo Tortora, striscione gentilmente confezionato dal padre di tutte le coreografie rossoblu, quel Dario Bianchi, cui vanno i nostri più sentiti ringraziamenti, da estendere a Presidenza e Segreteria dell'Associazione dei Club Genoani, per la loro spontanea collaborazione. Il Genoa Club Enzo Tortora è stato costituito in data 24/10/2008, con l'obiettivo di dare omaggio alla figura di Enzo anche attraverso il ricordo della sua fede calcistica, fede che egli ha sempre manifestato con forza e passione, soprattutto durante le conduzioni della Domenica Sportiva (la prima edizione, da lui personalmente ideata; la prima con carattere di spettacolo).Soci Fondatori del Club sono l'Avv. Alfredo Biondi (Presidente Onorario del Club), la Dott.sa Francesca Scopelliti (Membro Onorario – Presidente della Fondazione Internazionale per la Giustizia e compagna del presentatore), Vittorio Pezzuto (Presidente), il direttore di Primocanale Mario Paternostro, il Sen. Enrico Musso ed il sottoscritto (Segretario e Coordinatore). Il Club enumera già una trentina di soci tra i quali mi piace segnalare in particolare la presenza dell'Avv. Antonio Sulfaro (Presidente dei Probiviri), che può vantare una lunga amicizia con il nostro. Altro caso particolare quello di Pietro Bellantone, che pur essendo tifoso dell'altra sponda ha chiesto di far parte del Club. Pietro si è battuto a lungo, spesso contro una burocrazia ottusa, per dare ad Enzo Tortora l'intestazione di una strada di Genova, finalmente ottenendola nel giugno scorso. L'idea di costituire un Genoa Club intestato ad Enzo Tortora è nata in concomitanza con il ritorno di Diego Milito. Pur rispettando, logicamente, i diversi livelli di drammaticità, abbiamo trovato che c'era qualcosa che si riproponeva: era una frase pronunciata da Enzo Tortora il 20 Febbraio 1987, al suo ritorno in Rai: “Dunque, dove eravamo rimasti?”. Questa frase è stampata sulle nostre tessere. Il Club si propone di promuovere iniziative che servano a ricordare la figura di Enzo Tortora, sia con riferimento alla prima parte della sua Vita, quella degli “applausi”, come ben sintetizzato nel titolo del libro a Lui dedicato da Vittorio Pezzuto (“Applausi e sputi” Ed. Sperling&Kupfer), la parte dei successi in Rai, della Baistrocchi, della Goliardia, e sia con riferimento alla seconda parte della Sua vita, quella drammatica del carcere e dei processi, affrontati sempre con stupefacente serenità e forza, ma anche quella, ancora malauguratamente attuale, delle battaglie per una giustizia più giusta e per un maggior rispetto dei diritti degli imputati. Ci auguriamo che da domenica in poi, la presenza di questo striscione sugli spalti degli stadi aiuti tutti a mantenere vivo il ricordo di questo stupendo e drammatico personaggio. E' possibile aderire al Club contattando Franco Sensi (franco.sensi@fastwebnet.it, cell. 3201166419).

ladante
ladante ladante ladante